Come fare foto fighe con lo smartphone. La guida completa
come fare foto fighe con lo smartphone

Ebbene sì. Oggi imparerai come fare foto fighe con lo smartphone!

Questo articolo dà il via a una nuova rubrica, in cui ti parleremo di come sia possibile, oggigiorno, scattare delle foto bellissime direttamente con il tuo smartphone. Vedremo, poi, quali sono le migliori app di post produzione per ritoccare, sul tuo touch screen, le fotografie che hai realizzato.

Ben ritrovato!

Come anticipato qui sopra, questo post inaugura una serie di articoli in cui ti parleremo di come fare foto fighe con lo smartphone. 

Vedremo anche quali app scegliere per ritoccare i tuoi scatti (se non sai cos’è l’editing, ti consiglio di leggere questo articolo). 

In questa prima parte, vedremo alcuni piccoli accorgimenti che, da soli, ti consentiranno di migliorare notevolmente la qualità delle foto che scatti con il tuo smartphone. 

Nei prossimi appuntamenti, imparerai la differenza tra “saturazione” e “vividezza”, tra “bianchi” e “neri”, e molto altro ancora.

Come dici? Conosci già la differenza tra bianchi e neri?

Ne sei proprio sicuro? No, non c’entra la Juventus o Cristiano Ronaldo 😉 Scherzi a parte, intendo dire che vedremo assieme tutte le varie possibili scelte in fase di ritocco post scatto, per aiutarti a calibrare al meglio luci, colori, e chi più ne ha, più ne metta.

Ci sono tanti articoli che parlano dell’argomento, ma ti promettiamo una cosa: questo non sarà l’ennesimo post noioso sul mondo della fotografia. 

In modo leggero e rapido, affronteremo i concetti principali, così che tu possa fin da subito fare foto fighe con lo smartphone.

 

Delle volte arrivo in certi luoghi proprio quando Dio li ha resi pronti affinché qualcuno scatti una foto“.
(Ansel Adams)

 

Prima di cominciare, è doverosa una breve premessa.

Non pensiamo davvero che le macchine fotografiche siano superflue. È chiaro che, per scattare foto professionali, è opportuno utilizzare la giusta strumentazione.

Ma crediamo che, ormai, l’ottica degli smartphone di ultima generazione abbia raggiunto un livello dannatamente buono, tanto da far risultare quasi inutile l’utilizzo di una fotocamera compatta. Questo perché già di per sé, gli smartphone sono ormai delle vere e proprie fotocamere compatte. Basti pensare all’ultimo prodotto di casa Huawei, il P30, che monta ben 4 fotocamere Leica!

Chiaro che, se dobbiamo fare scatti panoramici, o ultra dettagliati, niente potrà (per ora?) sostituire una Reflex, o una Mirrorless.

Ma se la nostra idea è di riuscire a realizzare delle bellissime fotografie, be’, lo smartphone assolve sicuramente allo scopo 🙂
Sì! Puoi fare foto fighe anche con lo smartphone! 

Fatta questa doverosa premessa, resta un’ultima cosa da dire:

Partiamo!

Puntare e scattare: come ottenere foto fighe con il tuo smartphone

Alcune regole per migliorare sensibilmente i tuoi scatti

Come saprai, gli smartphone di ultima generazione ti permettono di scattare in automatico foto migliorate, grazie alla funzione AI.

Utilizzando questa possibilità, ti sembrerà di scattare sempre foto perfette. 

Be’, non è proprio così. Le foto scattate con la modalità “intelligenza artificiale” nascondono, in realtà varie problematiche.
Zero profondità, colori spesso troppo accesi. 

Insomma, nonostante a prima vista questi scatti intelligenti sembrino davvero perfetti, la verità è che risultano quasi sempre poco realistici. 

Sì. Anche io, le prime volte in cui mi è capitato di scattare usando il mio Honor 10, tenevo sempre accesa la modalità AI. Ero quasi contento del risultato, ma guardando meglio le fotografie, mi sono reso conto che gli oggetti sembravano tutti posti sullo stesso piano. Insomma, non c’era arte, dietro quegli scatti, non c’era umanità… e così mi sono redento.

Se ce l’ho fatta io, ce la puoi fare anche tu. Esci da questo tunnel delle foto intelligenti!!

Quindi hai capito bene, sì: prima cosa, elimina l’opzione AI 🙂

Seconda cosa: per fare foto fighe con lo smartphone, ti serve un bellissimo soggetto. O, quanto meno, un soggetto non bruttissimo!

So che può sembrare banale, ma il concetto, nella sua semplicità, è di fondamentale importanza.

Se vuoi che la tua foto sia bella, devi scegliere con cura cosa fotografare. 
Non puoi pretendere di fare un capolavoro, se il tuo soggetto è un bidone.

Una volta che hai scelto il tuo soggetto, devi trovare il modo per immortalarlo al meglio.

Il mio consiglio in questi casi, è di fare un minimo di ricerca. Se, ad esempio, nella tua città c’è un palazzo che vorresti immortalare, o un qualche monumento; se sei in vacanza in montagna e vorresti qualche foto di quella baita tra le cime innevate, per prima cosa puoi cercare sul web, o su Instagram, se qualcuno ha già fatto una foto simile a quella che vuoi fare tu.

Io in genere faccio proprio così: cerco l’hashtag della città in cui mi trovo, o della montagna, su IG, e mi guardo un po’ le varie foto che sono state scattate.

Scelgo quelle che sono riuscite meglio e che mi trasmettono qualcosa, e rubo i trucchetti da chi le ha scattate 🙂
Ricordati: i buoni artisti copiano, i grandi artisti rubano.

Luci, angolazioni, dettagli. 

Insomma, non scattare foto a casaccio! Cerca, osserva, studia le angolazioni da cui quella foto è stata scattata. In questo modo, nel momento del “punta e scatta” partirai già con un grande vantaggio ed eviterai di fare foto che poi, per un motivo o per l’altro, non rispecchiano davvero ciò che avevi in mente.

Quindi, ricapitolando: 

  • Scegli bei soggetti per le tue foto
  • Studia altre foto di quei soggetti e ruba i segreti di chi ti ha preceduto

Modalità pro e griglia: come utilizzarli al meglio per fare foto fighe con lo smartphone

Ovvero: come scattare le tue fotoin modalità PRO

Se vuoi scattare foto fighe con lo smartphone, la prossima mossa da fare, ancora prima di puntare e scattare, è scorrere tra le opzioni di scatto del tuo smartphone e cliccare su “Altro”.

 

come fare foto fighe con lo smartphone

(“Nel mio caso, l’opzione “Altro” si trova in basso a destra).

come fare foto fighe con lo smartphone

Premiamo su “Pro” e apparirà questa interfaccia

Una volta cliccato sull’apposito pulsante, apparirà questa schermata (o una simile, a seconda del tuo smartphone).

 

come fare foto fighe con lo smartphone

 

Da qui potrai regolare manualmente alcune opzioni di scatto. Vediamole assieme:

  • ISO: verifica la sensibilità della fotocamera alla luce. Se alzi il valore ISO, basterà un tempo breve di esposizione alla luce. Ma usa questo strumento con cura: rischi di creare rumore
    (Che cos’è il rumore digitale in fotografia? Hai presente quando scatti una foto con poca luce e poi, quando la passi sul pc, vedi che è poco nitida, granulosa? Ecco, quello è il rumore. Ad ogni modo, su questo sito il concetto è spiegato molto bene.)

Ecco: più aumenti gli ISO e più corri il rischio di creare rumore digitale.

Quindi usa questo strumento con cura 😉

  • S (Otturatore): regola il tempo di esposizione. Più lo aumenti, e più il tuo sensore fotografico rimarrà esposto alla luce.

Ma in soldoni cosa significa?

Te lo spiego con un esempio: hai presente quelle foto in cui i corsi d’acqua (in particolare le cascate) sembrano latte? Ecco, questo è il tipico esempio di risultato che puoi ottenere impostando tempi di esposizione molto lunghi.

Funziona un po’ come per le fotocamere Mirrorless o Reflex, con le differenze del caso, dovute al fatto che stai utilizzando uno smartphone ;-). Se vuoi approfondire il concetto, ti consiglio la lettura di questo articolo.

  • EV (Compensazione esposizione): giocando con questo valore, otterrai immagini più chiare o più scure, in base al tipo di effetto che ricerchi. Serve anche a bilanciare i bianchi, se lo smartphone tende a renderli troppo tendenti al grigio.
  • AF (Messa a fuoco): puoi scegliere AF-S (auto messa a fuoco per scatto singolo), AF-C (Auto messa a fuoco continua), MF (messa a fuoco manuale). Se sei alle prime armi, ti consiglio di optare per la AF-C, che ti permetterà di mettere a fuoco in automatico i soggetti quando l’immagine cambia all’interno del mirino
  • AWB (Bilanciamento bianco): regolando questo valore, eviti che la luce influisca eccessivamente sulla resa dei colori.  La scelta del bilanciamento dipende dalla luminosità dell’ambiente.

Imparando ad armeggiare con queste opzioni di scatto, le foto che scatti con lo smartphone miglioreranno notevolmente e sembreranno foto professionali!

La griglia: perché le proporzioni contano

Ebbene sì! Anche se scatti foto con lo smartphone 😉

Be’, senza entrare in tecnicismi che potrebbero solo confonderti le idee, andiamo direttamente al punto.

Se vuoi fare foto fighe con lo smartphone, la griglia ti serve per rispettare la “Regola dei Terzi” e scattare foto che rispecchino le giuste proporzioni.

Ora capirai meglio.

Questa è la griglia

come fare foto fighe con lo smartphone

Come vedi, ci sono 9 blocchi, formati dall’intersezione di 4 linee. I punti in cui le linee si incrociano, sono i 4 punti di forza dell’immagine, in cui dovresti inserire il protagonista del tuo scatto. Perché? Be’, perché è proprio in quei punti che si concentra maggiormente l’occhio umano!

Non vorrai mica scattare foto che passino inosservate, giusto? 🙂

Quindi, sebbene tu possa semplicemente scattare una bella foto con il tuo smartphone puntando e scattando con il soggetto al centro, se vuoi vivacizzare le tue immagini e renderle particolari, puoi scegliere di giocare con la regola dei terzi e concentrare i punti di forza del tuo soggetto su uno (o due) dei punti di forza della tua griglia.

0105-2019-011402124221248729630

Un esempio può chiarirti ulteriormente il concetto.

Mettiamo che tu voglia immortalare un orizzonte. Avrai il cielo che si tuffa nella strada, in un’immagine molto suggestiva.

Se scegli di dare più importanza al cielo (perché, mettiamo, è inondato dalla bellissima luce di un tramonto), allora abbasserai l’orizzonte alla seconda linea della griglia, così da dare maggiore importanza al tuo cielo.

Se, invece, vuoi gratificare maggiormente la terra (perché, ad esempio, è uno stupendo campo in fiore, o una spiaggia soleggiata), alzerai l’orizzonte, appoggiandolo alla prima linea, dando dunque maggior risalto alla terra (guarda, ad esempio, l’immagine di apertura di questo articolo!).

Più semplice del previsto, non è vero?

La prossima volta che ti troverai a scattare una foto con il tuo smartphone, prova ad applicare questi semplici concetti. Come? Scegliendo di scattare la tua foto applicando la griglia e la regola di cui ti ho appena parlato. Ti meraviglierai di quanto il risultato sarà soddisfacente.

Ma devi sempre applicare la regola dei terzi?

Diciamo che, soprattutto all’inizio, seguire questo semplice schema ti aiuterà molto, ma ci sono dei casi in cui potrai scegliere di non applicare questa regola, e scattare in autonomia (ad esempio, quando vuoi dare risalto a un particolare dettaglio, oppure vuoi fare una foto simmetrica).

Quando imparerai a familiarizzare con questi concetti, sarai in grado di migliorare notevolmente la qualità delle tue foto.

So che può sembrare complicato, ma credimi, mai come in questo caso, è più facile a farsi che a dirsi 😉

Sono sicurissimo che, con un po’ di tentativi, qualche orrore e un pizzico di pazienza, in brevissimo tempo saprai usare al meglio gli strumenti che il tuo smartphone ti mette a disposizione. E per te fare foto fighe con lo smartphone diverrà un gioco da ragazzi!

Riassumendo - come fare foto fighe con lo smartphone

Facciamo il punto di quanto abbiamo imparato

  • Scegli bei soggetti per le tue foto
  • Studia il modo migliore per raffigurare i tuoi soggetti, anche e”rubando” da chi è più esperto
  • Disattiva l’IA
  • Scatta in modalità PRO, gestendo al meglio le varie opzioni a tua disposizione
  • Utilizza la griglia per rispettare le proporzioni

 

Bene, abbiamo visto come fare per scattare belle foto con lo smartphone. Nella prossima puntata, parleremo di un modo per scattare foto ancora più belle. Come? 

Alla prossima! 🙂

 

Lascia un commento

Chiudi il menu